(tratto da “Il Ponte, numero 18 di Dicembre 1993)

In Italia son tonato

e l’ho quasi tutta visitata;

ma gira e rigira per quanto vuoi,

sempre a Montorio torni tra i tuoi.

Quella gente è accogliente e cortese

e questa è la bellezza del nostro Paese.

come bello sarebbe, se potessimo stare

con quell’aria, quel sole

e quel mare.

Purtroppo c’è la lontananza

e altre circostanze,

altrimenti starei sempre,

vicino a San Costanzo.

Non posso mai dimenticare

il campanone che suonava

e tutti noi a festa richiamava.

Che fosse alla messa o alla processione,

allora sì che c’era devozione

Cari amici paesani,

teniamoci sempre per mano;

a volerci bene niente ci costa,

potete voi trovarmi altra risposta?

cari amici, queste strofette

per voi ho inventato,

sperando che anche voi

gioia ne avete ricavato.

EMIGRATO 16 DICEMBRE 1955

Subscribe to our newsletter!

Di ilponte

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

This website uses cookies. By continuing to use this site, you accept our use of cookies.