Di Ines Di Iorio

In un cassetto della nonna ho trovato molte foto custodite in una semplice busta di plastica ma gelosamente tanto che un giorno volevo vederle con mio figlio (4 anni) ma non è stato possibile perchè nonna sapeva che se le avesse prese le avrebbe potute strappare.

sono riuscita a vederle non in sua presenza. mi ha colpito molto una con la foto del nonno ( Giovanni Di Iorio) dove era molto giovane (forse dell’anno ’55 o ’56) ed in bella posa perchè era la prima foto dopo che era emigrato per lavoro, con una bella dedica sul retro per mia nonna (Ines Iaizzi) … cose proprio di altri tempi. non pensavo che il nonno fosse così romantico!

insieme alle foto del nonno, spedite quasi ogni mese, tante foto delle sorelle in America … si aggiornavano praticamente su tutto come noi adesso facciamo con Whatsapp … e molto sui viaggio in America per andarle a trovare e qualcuna delle gite che facevano in paese dove i miei nonni non mancavano quasi mai.

una foto mi ha messo una grande tristezza perchè conoscendo tutti i partecipanti della gita in questione ho notato che in tutta la comitiva a mala pena 2 o 3 sono ancora in vita tra cui mia nonna che che i suoi acciacchi è ancora tra di noi. nella foto è sempre vicina al nonno.

vi racconto che la nonna partecipava alle gite col nonno… ma in un solo giorno lo lasciava solo (e lui contento diceva “vai vai”) ed era il giorno della festa delle donne durante il quale la nonna si faceva immortalare sempre con una brocca di vino e faceva finta di berla o con una sigaretta o con un grosso sigaro cubano in bocca (riportato da zio Peppe dai suoi famosi viaggi a Cuba).

Festa delle donne

lei è Nuccia Franchilli, erano le due patentate del gruppo. la nonna ricordo caricava tutte le donne sul suo camioncino col cassone e facevano una piccola sfilata riportando le festeggianti a casa. la nonna era troppo divertente. dico era non perchè non c’è più, è con noi per fortuna, ma il fatto che non sente più tanto e la perdita prematura dello zio l’hanno segnata, più o meno come tutti noi. non si diverte più… prima faceva delle battute ma va bene così. quest’anno sono 91.

Festa delle donne
festa delle donne

il nonno è morto proprio la notte tra il 7 e l’8 marzo. ho sempre pensato che l’abbia fatto volontariamente perchè lei in quel giorno lo lasciava solo.

mentre sto scrivendo la nonna è da tre giorni presso la casa di riposo di Montorio nei Frentani: si trova bene anche perché, soprattutto, lei vuole compagnia e lì ce ne è tanta e sappiamo che chi ci lavora la tratta benissimo. è senz’altro in buone mani.

colgo l’occasione per ringraziare gli operatori della casa di riposo però passando in Via Torre dei corvi ed osservando un’altra casa chiusa mi si stringe già il cuore. mi ritengo fortunata: ho ancora due nonne novantenni che quando mi sono sposata sul Comune sono state mie testimoni di nozze e ne sono profondamente orgogliosa.

buona visione ed un saluto a tutti i lettori de “Il Ponte”. vi invio qualche foto

Ines Di Iorio

Subscribe to our newsletter!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

This website uses cookies. By continuing to use this site, you accept our use of cookies.